Antinori condannato a 7 anni e 2 mesi

Regolare Commento Stampare

I pm Maura Ripamonti e Leonardo Lesti avevano chiesto per lui 9 anni di carcere. Il ginecologo è stato anche "interdetto dall'esercizio dellaprofessione medica" per "5 anni e 6 mesi".

Lo ha deciso l'ottava sezione penale, che ha inflitto anche pene fino a 5 anni e 2 mesi di detenzione ad altri quattro imputati. Carabetta è coimputato con Antinori per una presunta tentata estorsione in relazione a minacce al telefono a una coppia di clienti della clinica Matris per ottenere il pagamento di oltre 25mila euro per avere un figlio con la fecondazione assistita.

"Una sentenza oltremodo eccessiva che stravolge la verità dei fatti".

La 23enne infermiera spagnola, di origini marocchine, raccontò di essere stata immobilizzata, sedata e poi costretta a subire l'intervento. Durante la sua deposizione in un'aula protetta, precisò inoltre che inizialmente accettò di donare i suoi ovuli in cambio di 7mila euro, ma di essersi infine rifiutata perché "vietato dalla religione musulmana". "Continueremo la battaglia". "La sentenza appena emessa - ha aggiunto Antinori - mi ha assolto dalla grave accusa di aver rapinato la giovane del suo telefonino e anche questo dimostra incontrovertibilmente la scarsa credibilità della mia accusatrice". Fu allora che, sempre secondo la sua versione dei fatti, Antinori e la segretaria Bruna Balduzzi l'avrebbero "afferrata con la forza e portata in sala operatoria" dove le sarebbe stato "messo un braccialetto verde al polso" per poi procedere con l'anestesia. La ragazza ha tentato fino all'ultimo di evitare il prelievo, al punto da aver "urlato ad Antinori e alla Balduzzi di lasciarmi - ha detto ai giudici - ma poi Marcianò mi ha fatto una puntura. Da quel momento in poi non ricordo più nulla". Va ricordato che nel novembre scorso è stata disposta l'imputazione coatta per l'infermiera spagnola, seguita da una denuncia per calunnia presentata dai difensori di Antinori, ma contro la decisione del gip Luigi Gargiulo la procura ha presentato ricorso in Cassazione.