Addio a Bea, la bambina di pietra che aveva commosso l'Italia

Regolare Commento Stampare

"Siamo seguiti in maniera egregia e amorevole all'ospedale Regina Margherita - aveva raccontato la mamma, Stefania Fiorentino, che al settimo mese di vita di Bea aveva scoperto la malattia". Anche la mamma di Bea non c'era più, stroncata da un tumore al cervello lo scorso agosto. L'annuncio dell'aggravarsi delle sue condizioni è arrivato attraverso Facebook, postato dalla zia, Sara Fiorentino. "Il mondo di Bea resterà in assoluto il miglior posto che io abbia mai potuto visitare, per sempre". Bea e i suoi genitori hanno ricevuto lettere dal mondo, poi migliaia di "like" sulla pagina Facebook. Una rarissima sindrome, a cui nessuno è ancora riuscito a dare un nome, aveva reso rigide tutte le sue articolazioni. Le condizioni di Beatrice si erano aggravate da giorni. Proprio così, finalmente, la piccola guerriera è volata in cielo e potrà finalmente riabbracciare la sua mamma. "Fai buon viaggio mia piccola Bea.Zia Emma non ti scorderà mai!" Un soprannome che all'inizio alla famiglia non era piaciuto, in quanto all'interno del corpicino rigido di Bea vi era un cuore immenso che riusciva a trasmettere amore, gioia e voglia di vivere. Il pontefice aveva benedetto la piccola. Per Bea ci sono stati vari eventi come il "Derby dell'amicizia" allo Stadio Nebiolo, con le varie glorie di Juve e Toro organizzato dalla Nazionale Italiana dell'Amicizia, la NIDA. Questo era il "mondo di Bea", punto di riferimento reale per le malattie rare e per tutti quelli che volevano seguire le vicende drammatiche e allo stesso momento di forte speranza che la famiglia Naso sapeva "donare" al mondo del web, senza insulti e senza banalizzazizoni da "talk show del dolore". "Zia Sara". Così c'è scritto da qualche ora sulla pagina social "Il mondo di Bea", un'idea della stessa piccola "bimba di pietra" e di mamma Stefania: "una pagina sui social nata per parlare di Beatrice e della sua rarissima malattia che è diventata anche uno strumento per aiutare tanti bambini colpiti da malattie rare".

Il cuore di Bea si è fermato oggi.

Bea è stata ricevuta da Papa Francesco, ha conosciuto Emma Marrone e sapeva le sue canzoni a memoria. È stato bello conoscerti. Emanavi più vita di molti altri che della vita non si accorgono.??