Elezioni: Monastra (Leu), Salvini ossessionato da Boldrini

Regolare Commento Stampare

Le mie porte sono sempre aperte - ha continuato -. Mi sono confrontato con Laura Boldrini e mi piacerebbe avere un confronto pubblico con tutti. Ad analizzare il grado di inglese di chi si candida a guidare il paese è stata l'American British Academy (start up specializzata in app educative). "Chi ha favorito l'immigrazione ha fatto il male degli italiani e degli immigrati". Secondo un sondaggio realizzato da ABA English su un campione di oltre mille italiani in occasione delle elezioni amministrative 2016, il 90% degli intervistati ritiene che un Presidente del Consiglio debba conoscere l'inglese. Ma vediamo i voti assegnati ai singoli politici.

Laura Boldrini è in arrivo a Cinisello Balsamo.

Emma Bonino (+Europa): voto 7.

L'inglese non è certo un ostacolo per la storica leader Radicale, grazie ai suoi incarichi come commissario europeo dal 1995 al 1999 e Ministra degli Esteri dal 2013 al 2014, ma anche a una laurea in Lingue e Letterature Straniere conseguita alla Bocconi di Milano nel 1972.

Nonostante la sindaca di Roma sia spesso al centro di polemiche, nessuno può mettere in dubbio la sua pronuncia e ampiezza di vocabolario in inglese.

Silvio Berlusconi (Forza Italia): voto 5.

L'inglese è sempre stato un punto debole per l'ex premier. Legge con fatica discorsi scritti, come quando si rivolse in inglese al Congresso americano, e ogni tentativo di improvvisazione si rivela fallimentare. L'inglese del giovane leader pentastellato è zoppicante. - ha aggiunto - Lo sto aspettando da circa quattro anni ma è sempre andato altrove.

Matteo Renzi (Partito Democratico): voto 5/6. Gli va riconosciuto però il merito di non tirarsi mai indietro davanti a un'intervista o dibattito in lingua.

La prefazione del volume è del leader della Lega Matteo Salvini, che in un intervento video ha rimarcato: "Se le culle sono vuote, se le ragazze e i ragazzi, oggi in Italia, non hanno certezze, non hanno diritti, non hanno lavoro, non scommettono sul futuro e non mettono al mondo dei figli è chiaro che poi, a sinistra, c'è qualche 'genio' che dice: 'Te li mando sui barconi i tuoi futuri figli'".