Aghi siringhe in sedili bus, denunciato

Regolare Commento Stampare

Nel corso dei vari sopralluoghi, i carabinieri hanno accertato che gli aghi venivano oculatamente nascosti nei sedili con l'obiettivo di pungere i viaggiatori.

Al momento le indagini stanno proseguendo per capire se gli aghi erano puliti o infetti con particolari sostanze.

Spetterà adesso alle analisi di laboratorio stabilire l'eventuale presenza di agenti infettivi sugli aghi impiegati per realizzare il folle, quanto misterioso, piano dell'operatore socio sanitario. Le perquisizioni successive, delegate dalla procura di Tivoli, sono state effettuate all'interno dell'abitazione e spogliatoio sul luogo di lavoro dell'infermiere.

Choc a Roma. Un operatore sanitario di 58 anni è stato denunciato con l'accusa di lesioni personali aggravate. Grazie ai servizi di osservazione e ai sistemi di videosorveglianza installati sugli autobus, i militari hanno identificato l'uomo. L'infermiere è accusato di lesioni aggravate ma la sua posizione giudiziaria potrebbe anche peggiorare se la vittima, per ora l'unica registrata, dovesse manifestare qualche patologia. Le indagini dei Carabinieri di Subiaco sono iniziate nel mese di dicembre, in seguito ai rinvenimenti di aghi nelle sedute del pullman sulla tratta Roma Ponte Mammolo - Subiaco. Ma non è neppure chiaro quali siano i motivi che lo hanno spinto a compiere questo gesto così sconsiderato.