Bagno di folla in Umbria per Matteo Salvini, il video e intervista

Regolare Commento Stampare

Il ministro dello sviluppo economico Carlo in una trasmissione tv ha voluto sottolineare che "considero Salvini una persona che non riconosce in pieno i valori della nostra Costituzione, che agisce in termini politici al di fuori di quei valori" e alla conduttrice che gli chiedeva se il leader della Lega fosse un pericolo per la democrazia, Calenda ha risposto: "Non lo credo perché il paese è molto sano, però non è un contributo per la democrazia, cosa che qualunque partito, con qualunque prospettiva deve essere". Anzi, "che l'Islam rappresenti un rischio è evidente, se la dichiarazione islamica dei diritti dell'uomo prevede che la giustizia islamica prevalga sulla giustizia nazionale per me è un problema". Musica per le orecchie di chi pensa che non solo gli immigrati ma anche i robot siano un pericolo per i lavoratori italiani. "L'azienda americana ha l'idea di crescere e di assumere in Italia e questo è un bene ma il braccialetto non esiste e non esisterà mai" ha ribadito Salvini tornando su uno dei temi che negli ultimi giorni hanno riportato la società di Jeff Bezos al centro delle polemiche. "Invece, dopo il via libera della maggioranza di ieri in Parlamento, si preparano ad approvare l'ennesimo salva ladri". "Non abbiamo dato alcuna giustificazione" ha sottolineato Salvini parlando di quanto successo a Macerata. E forse si apriranno le porte del carcere anche per il nigeriano coinvolto nella morte della povera Pamela.

E infine: "Per vincere in comune a Umbertide con un sindaco che abbia come priorità i suoi cittadini e non i centri culturali islamici e poi vincere anche in regione Umbria per mandare a casa i compagni che hanno devastato questa terra". Ha per sé addirittura un collegio uninominale, Tullio Patassini, che fino a poche settimane fa era in Alternativa Popolare, partito che in questi cinque anni ha fatto da stampella a Renzi al governo: nel momento del bisogno è noto, l'incoerenza cronica della Lega emerge sempre. Noi siamo semplicemente persone normali che vogliono un'Italia normale. Lo facemmo quando ammazzarono Moro: abbiamo riempito le piazze e c'erano perfino i brigatisti in giro.

"Dietro a questa moschea ci sono i fondi del Qatar".