Proroga spesometro 2018: fissata la scadenza al 6 aprile

Regolare Commento Stampare

L'Agenzia delle Entrate con il comunicato stampa del 5 febbraio 2018 ha informato che per garantire il rispetto delle norme dello Statuto del contribuente, la scadenza per la comunicazione dei dati delle fatture del secondo semestre 2017, originariamente fissata al 28 febbraio, viene spostata al 6 aprile 2018, ossia al sessantesimo giorno successivo alla pubblicazione del provvedimento odierno. Semplificare e snellire lo spesometro dovrebbe dunque consentire non solo di rendere meno oneroso per i contribuenti adempiere ai propri obblighi, ma anche all'Agenzia di centrare i suoi obiettivi. Il Direttore dell'Agenzia delle Entrate [VIDEO], Ernesto Maria Ruffini, ha promulgato il provvedimento definitivo che rende operativa la nuova versione.

È stata fissata alla stessa data la scadenza per le eventuali integrazioni e per la trasmissione telematica opzionale dei dati delle fatture emesse e ricevute.

L'Agenzia comunica inoltre che lo stesso termine vale anche per la trasmissione telematica opzionale dei dati delle fatture emesse e ricevute e per le relative variazioni. Si è, infatti, fissato il termine ultimo alla data del 6 aprile 2018. "Tra le nuove misure, finalizzate ad alleggerire gli adempimenti per imprese e professionisti, vengono semplificate e ridotte le informazioni richieste, diventa possibile comunicare i dati riepilogativi per le fatture emesse e ricevute di importo inferiore a 300 euro, diventa facoltativa la scelta di trasmettere i dati con cadenza trimestrale o semestrale". A comunicare la proroga della comunicazione dei dati delle fatture del secondo semestre 2017 è l'Agenzia delle Entrate con una nota odierna.

Si tratta di un flusso di dati che stima fosse ormai balzato ad oltre i 19,5 miliardi di "informazioni" ("tag" da inserire nei file da inoltrare telematicamente), a fronte di un numero di invii che già due anni fa aveva raggiunto quota 170 milioni, a fronte dei soli 30 milioni di inoltri registrati alle porte del Nuovo Millennio. Inoltre, le comunicazioni delle fatture riferite alle operazioni del 2018, anche per chi esercita l'opzione, comunica l'Agenzia, potranno essere inviate con cadenza trimestrale o semestrale.

(Teleborsa) Spesometro light, si parte. Condividi su Facebook l'articolo appena letto.