Sparatoria Macerata, colpita anche la sede del Pd

Regolare Commento Stampare

Complessivamente sono state almeno 7 le persone ferite, tutte di colore, dai proiettili del 28enne: alcuni sono dovuti ricorrere alle cure del pronto soccorso, mentre uno di loro è stato invece trasportato all'ospedale regionale di Torrette di Ancona per via della gravità delle lesioni riportate.

I colpi di pistola sono partiti da un'Alfa Romeo 147 nera - a bordo della quale era Traini - che si spostava per le vie della città, sparando e terrorizzando i cittadini.

Si chiama Luca Traini, ha 28 anni, è un estremista di destra, il giovane - che vedete nella foto in apertura, che è di "Cronache maceratesi", come quella intera che vedete in basso - stamattina ha gettato nel panico Macerata, con una serie di sparatorie che si sono verificate in mattinata nel capoluogo marchigiano. All'arrivo dei Carabinieri ha ammesso le proprie responsabilità e non ha opposto resistenza: a bordo dell'auto sono stati ritrovate la pistola, una tuta mimetica e delle piume bianche. Al momento dell'arresto l'uomo ha gridato "Viva l'Italia" facendo il saluto romano.

I FERITI - Sei i feriti segnalati, di cui uno in corso Cairoli e uno nei pressi della stazione, anche in altre zone sono avvenuti, tutt ora in accertamento ma dove sicuramente non risultano feriti. Quando è stato bloccato dalla polizia Traini si è girato verso la piazza e ha fatto il saluto fascista. Dell'omicidio è accusato il nigeriano Innocent Oseghale.

Il Ministro degli Interni Minniti si è subito recato a Macerata, dove ha riunito il comitato per la sicurezza pubblica e ha incontrato i vertici delle forze dell'ordine. Ma rimane la consapevolezza che si è passato il limite e che il difficile arriva ora, con una campagna elettorale da svelenire e raffreddare.

"L'allarme è cessato. Abbiamo dato disposizione per la riapertura delle scuole e anche per la ripartenza di tutti i mezzi pubblici della città", assicura il sindaco Romano Carancini.

Per adesso si segnalano due feriti. In un manifesto elettorale Traini appare insieme al candidato sindaco della Lega Nord per Corridonia Luigi Baldassarri che presenta la sua nuova squadra e nel programma elettorale dello scorso 11 giugno ci sarebbe anche il controllo degli extracomunitari.

Tanta paura nella giornata di ieri per le vie del centro di Macerata per via di un raid razzista. Il premier Paolo Gentiloni: "Odio non riuscirà a dividerci".