"Credo che avrei il dovere di andare a palazzo Chigi" (Berlusconi)

Regolare Commento Stampare

"Se io andassi a palazzo Chigi, penso che Salvini possa scegliere, e lui essendo un centravanti di sfondamento potrebbe andare al ministero dell'Interno. Sono sicuro che questa volta non succederà anche perchè abbiamo un programma comune che firmeremo oggi o nei prossimi giorni, molto approfondito, che garantisce da tutti partiti della coalizione la realizzazione del programma stesso".

"Se io non sarò nel governo ci sarà un autorevolissimo premier che saprà dirimere i contrasti che sorgeranno". Ma se quella sentenza dovesse arrivare in tempo, il leader di Forza Italia terrebbe per sé il ruolo di presidente del Consiglio: "Non potrei tirarmi indietro e andrei a Palazzo Chigi". Ha un nome nel cassetto? Ma ha aggiunto che ritiene "poco probabile" che la decisione arrivi prima della scadenza elettorale in Italia. Mi sono sempre stancato della politica che non mi piace e non mi è mai piaciuta ma ho sempre sentito in me il dovere di essere in campo perché il nostro Paese nel 1994 non finisse nella mani dei comunisti e ora nelle mani di una setta pericolosa che si chiama M5s.