Caputi: "Verdi? Deulofeu è superiore. Nella riunione tra De Laurentiis e Sarri..."

Regolare Commento Stampare

Immaginate un giardiniere solitario che pettina il prato esterno, poi un volo improvviso di uccelli, un po' di pioggia e qualche colpo di vento. Ce ne hanno messo di tempo per rompere il gelo degli ultimi mesi, ma finalmente De Laurentiis e Sarri si sono incontrati in un lungo faccia a faccia nel giorno del compleanno del tecnico azzurro. Scontata la risposta del presidente De Laurentiis: il profilo è fuori portata e per i Citizens è incedibile. La Premier lo appassiona, così come la possibilità di raccogliere una grande rosa, con dei valori pazzeschi che facilmente si potrebbero adattare al suo modo di fare calcio. Infatti dopo l'annuncio di Machach (22enne centrocampista francese ex Tolosa e Marsiglia) tanti sono, in queste ore, i nomi che vengono accostati al Napoli. "Io un contratto già ce l'ho, non capisco perché dovrei discuterne di uno nuovo", ha spiegato infastidito rispondendo a una domanda. Con una clausola presto in vigore può esistere la volontà di De Laurentiis che di sicuro gli riconosce il grande lavoro, con la profonda partecipazione di Giuntoli, anche in termini di enorme attivo di bilancio. E allora si è parlato del futuro. Che il patron della Filmauro vuole sia ancora insieme. Nonostante il flop in Champions (costato circa 20 milioni di euro alle casse azzurre) e la deludente uscita in Coppa Italia.

Sarri, però, di certo punterà ad avere anche garanzie sul mercato.

Ecco, un ragionamento che a De Laurentiis deve essere stato riferito. Ed è per questo, da straordinario stratega, il presidente si è mosso. Il Napoli è pronto a fare un sacrificio economico per mettere in sicurezza il contratto dell'allenatore toscano, giocando dunque d'anticipo sulla fatidica data del 2 febbraio, in cui diventerà operativa la clausola. Fino al 31 maggio. L'incontro, secondo il Mattino, sarebbe durato sei ore ma non ci sarebbe stata nessuna fumata bianca.

De Laurentiis ha proposto al tecnico un contratto fino al 2021 con un ingaggio da 2,5-3 milioni di euro. Un anno in più.