Spelacchio, Renzi: problema non è bruttezza ma incompetenza

Regolare Commento Stampare

Nel pomeriggio chiuderà i lavori il ministro e vicesegretario Dem Maurizio Martina. Non puoi gridare onestà e poi ritrovarti incapace a governare. Benedetto Croce diceva che governo onesto è quello capace.

"L'incompetenza è il nostro avversario alle prossime elezioni politiche". "Ci sono 50 giorni per andare a vincere e voglio che il Pd si metta in campo senza paura". Noi siamo gli amministratori che non falsificano i bilanci, e nella nostre città i revisori dei conti non si dimettono. "Se con me si fossero dimessi i revisori dei conti, ci avrebbero portato via". Perché non è giusto che un Paese possa vivere di sussidi e non facendo nulla si ricevano 1.600 euro. "Sono stati loro il governo dello spread, noi siamo dovuti intervenire per far ripartire il Paese", continua il segretario del Pd. "Se qualcuno - ha detto oggi - ancora pensa ci siano problemi interni al Pd ha sbagliato lettura dei giornali". Se mi sento parte di una squadra ed esco a raccontare le cose di persona, le cose cambiano. La sfida per il primo posto alle elezioni - ha sottolineato Renzi - non è tra Berlusconi e Salvini ma tra Pd e M5s.

Il segretario del Pd punta dritto contro il M5s. "Il professor Marattin ha spiegato che queste coperture non esistono", prosegue Renzi. "E non per il Pd, ma per l'Italia".

Sul palco faranno staffetta sindaci, consiglieri regionali e presidenti di Regione. Hanno letto i sondaggi e detto che ha vinto il centrodestra: si sono dimenticati di leggere la legge elettorale che per due terzi premia non le coalizioni ma il primo partito.

"Un sogno sembra solo un sogno finché non si comincia a lavorarci sopra, ma poi può diventare qualcosa di più grande". Lo dice Paolo Gentiloni al Lingotto. Siamo la sinistra di governo.

"Noi siamo la forza e il coraggio del nostro Paese". "Se mi chiede una previsione sul partito di D'Alema, ha scelto il commentatore sbagliato".

"In gioco c'è il futuro".

E ancora Renzi ha citato "Spelacchio": "Il problema non è che sia bello o brutto, il punto è come si amministra una città, il problema è l'incompetenza", così riferendosi alla gestione della città di Roma da parte della sindaca Raggi. Non è così. Entriamo in una logica assolutamente sbagliata. Sì perché per Renzi c'è il problema delle deroghe, cioè di quei parlamentari di lungo corso (15 anni in Parlamento) per i quali lo statuto Dem prevede il "pensionamento".

La medaglia, si sa, ha sempre due facce.