Napoli, quindicenne pestato da babygang. Il questore: assurda e immotivata violenza

Regolare Commento Stampare

Sono immediatamente scattate le indagini della Polizia di Stato, impegnati gli uomini della Squadra Mobile della Questura di Napoli e dei Commissariati di Scampia e Chiaiano, che stanno visionando le immagini registrate dagli impianti di videosorveglianza presenti nella zona.

Legalità e sicurezza. Si tratta di quanto chiedono i manifestanti della "Marcia degli ombrelli", che hanno sfilato per più sicurezza, più controlli, il rispetto delle regole del vivere civile. Riuscito comunque a rientrare a casa, ha accusato forti dolori che hanno spinto i familiari ad accompagnarlo all'ospedale. Ai microfoni di Tgr Campania la mamma di Gaetano ha dichiarato: "Mio figlio ha dovuto subire l'asportazione della milza ma poteva capitargli anche qualcosa di peggio". Portato in ospedale dallo zio, ha riportato lesioni alla milza ed è stato sottoposto a un intervento chirurgico per rimuovere l'organo.

Parla di "assurda e immotivata violenza aggressiva di un branco" il questore di Napoli, Antonio De Iesu. "Stiamo sul pezzo - assicura - da ieri sera si stanno estrapolando immagini e ricostruendo i fatti". "Sono branchi che si mettono insieme, che eludono anche la sorveglianza dei genitori, forse assenti, e si rendono protagonisti di questi atti vili e di inaudita violenza", spiega. "Si deve fare giustizia, queste cose non possono e non devono accadere".

Aggiornamento ore 15.26: Dopo la vicenda di Arturo, questa volta la microdelinquenza ha colpito mio figlio Gaetano. Le indagini sono in corso, dalle prime notizie investigative trapelate il branco dei delinquenti ha preso di mira lo sfortunato 15 enne per futili motivi. Ma lamenta l'assenza di collaborazione dei cittadini: "Anche questa volta nessuno ci ha chiamato per raccontarci quanto è successo". Parla di minorenni deviati il questore di Napoli, un problema profondo che va analizzato nel contesto sociale. E' su questo che bisogna interrogarsi. Gaetano è stato all'improvviso aggredito da una quindicina di ragazzi senza motivo mentre i due cugini sono riusciti a rifugiarsi in un bar. Gli hanno chiesto di dove fosse, lui non ha risposto.