Figc, Balata: "Non abbiamo candidature. Aspettiamo Lega A"

Regolare Commento Stampare

Sono tre le candidature ufficiali per la presidenza della FIGC: Tommasi, Gravina e Sibilia. E dopo Tavecchio, presenta il suo vicario che vuole ridurre l'area professionistica e rilanciare i vivai, obiettivo che a parole unisce tutti.

"L'assemblea non si è pronunciata su una candidatura né su una candidatura di appoggio, quindi il discorso è legato alla scadenza del 14 gennaio e si vedrà". Dal 2015 è al timone della Lega Pro.

Firenze, 12 gen. (AdnKronos) - L'Assemblea dei club della Lega Pro ha candidato il presidente Gabriele Gravina alla presidenza della Figc. I dati sono obbligatori al fine di autorizzare la pubblicazione del commento e non saranno pubblicati insieme al commento salvo esplicita indicazione da parte dell'utente. Il presidente uscente ha frenato le voci sulle candidature, tra cui quella di Claudio Lotito, sostenendo che potrebbe esserci una candidatura singola supportata da tutte le componenti.

Il candidato che più rappresenta la discontinuità col passato è Damiano Tommasi. "Fino all'ultimo ho parlato anche della possibilità di un altro candidato, un uomo del nostro mondo che metta al centro il progetto sportivo", ha aggiunto il numero 1 dell'Assocalciatori.

La Lega Serie A piomba nel caos in vista dell'elezione del nuovo presidente della Figc. La cosa importante è che si è ricreata un'asse molto forte fra la Lega Serie A e la Lega B, come è sempre stato nel loro Dna. In più di qualche caso, i club arrivano a chiedere soldi ai giocatori per spezzare il vincolo e in tanti smettono. "Tutte le componenti hanno ringraziato per l'invito, hanno aderito e ognuno ha detto la propria a opinione".