Presepe vivente a Civitavecchia, un ultimo speciale appuntamento foto

Regolare Commento Stampare

Dall'8 dicembre la città si è anche trasformata nel "Magico Villaggio degli Elfi" che ogni giorno (fino al 7 gennaio) intorno alle 16.30 partono dal loro Rifugio Incantato di piazza Garibaldi per animare il centro tra fiabe, canti, balli, letture e giochi.

Un gemellaggio all'insegna dell'amicizia e della vicinanza con quanti hanno vissuto il dramma del terremoto e spesso ancor oggi portano il peso di quel triste avvenimento.

Ma non soltanto Ceraso si prepara al Presepe Vivente.

Nei panni della la Madonnina infatti Giulia Marconi, 18 anni, di Todi, studentessa del quinto anno del Liceo linguistico.

"Come sempre viviamo un clima di grande attesa per questo evento che è patrimonio prezioso ed unico della tradizione di Rivisondoli e dell'intero Abruzzo - ha commentato il sindaco Roberto Ciampaglia - un momento sempre commovente, ricco di suggestione, che lega il nostro paese ad un avvenimento straordinario che ha cambiato tutto il corso della storia".

Il parroco di Rivisondoli don Daniel Cardenas invece ha voluto sottolineare il messaggio di pace e fratellanza rappresentato dal presepe.

Sabato 6 Gennaio torna il piccolo Presepe vivente presso la sede del Movimento per la vita di Civitavecchia in Via san Francesco di Paola (rotonda via Benci e Gatti 1), dove verrà rappresentata una natività, a testimonianza dell'impegno per la vita nascente della associazione.

Domani mattina, alle 11, ci sarà la vestizione della Madonnina.