Facebook testa una nuova sezione dedicata alle news e agli eventi locali

Regolare Commento Stampare

Uno dei modi per farlo è attraverso il News Feed dove gli iscritti possono trovare i post degli amici e dei famigliari per interagire tra di loro.

Prima di essere introdotto per tutti gli utenti - cosa che potrebbe richiedere delle settimane - il cambiamento è stato sperimentato in sei paesi, tra cui la Slovacchia, la Serbia e lo Sri Lanka: gli utenti dei paesi che rientrano nel test hanno visto tutti i post non promossi spostati su un feed secondario, cosi' da lasciare spazio sul feed principale ad annunci pubblicitari/post promossi e alle condivisioni degli amici. A seguito di questo aggiornamento, Facebook attribuirà quindi un ranking maggiore alle discussioni tra le persone che hanno generano interazioni significative. Per fare questo Facebook dovrà anche capire quali post potrebbero piacere agli iscritti attribuendo loro maggiore priorità nel News Feed. Contestualmente, saranno penalizzati i contenuti "passivi" come i messaggi condivisi dalle aziende, dai media, i video ed i messaggi pubblicitari. L'engagement-bait sarà vietato, ovviamente, e chi tenterà questa strada per ottenere visibilità sarà, invece, penalizzato. "Vogliamo assicurarci che i nostri prodotti non siano solo divertenti, ma che siano buoni per la gente" che ne usufruisce, afferma Mark Zuckerberg in un'intervista al New York Times.

"La ricerca mostra che quando usiamo i social media per connetterci con le persone che abbiamo a cuore, ciò può essere positivo per il nostro benessere - spiega Zuckerberg in un post sul suo social network -".

Zuckerberg vuole essere chiaro riguardo il cambiamento, e ha detto di essere consapevole del fatto che apportando questi cambiamenti il tempo che le persone trascorrono su Facebook e alcune misure di impegno sul social potranno diminuire. E il contenuto pubblico che si vedrà di più sarà considerato allo stesso livello, cosi' da incoraggiare interazioni significative tra le persone.

Le conseguenze della novità sono fin da oggi facilmente prevedibili: i messaggi che non genereranno particolari discussioni saranno penalizzati e le Pagine potrebbero notare un sensibile calo del traffico, della loro reach e della durata delle visualizzazioni nei video. Gli amministratori di una Pagina potrebbero quindi arrivare a chiedersi "perchè spendere del tempo ad aggiornare una Pagina che tanto viene vista da pochi per una volontà di Facebook?".