Autostrade, Delrio: Sconti a pendolari fino al 20%, soluzione immediata

Regolare Commento Stampare

Protesta. Nuova mobilitazione di sindaci e amministratori di Abruzzo e Lazio contro il caro pedaggi di A24 e A25: sabato prossimo dalle 9:30 è in programma una manifestazione di protesta nei pressi del casello de L'Aquila ovest, nel capoluogo abruzzese, nello spazio compreso tra la via di collegamento tra la ss 17 e l'accesso autostradale. Ramadori fa appello alle istituzioni. I primi cittadini, al termine dell'incontro che è stato a rischio per un'incursione di Casapound, si sono detti parzialmente soddisfatti "per gli impegni assunti dal tavolo al quale è stato consegnato il documento sottoscritto a Carsoli nel quale, come richiesta principale, vi è la sospensione dell'aumento del pedaggio e l'avvio di un tavolo istituzionale per una soluzione strutturale che possa favorire gli investimenti e abbattere il costo del pedaggio". Se il Ministero avesse approvato il nuovo piano finanziario - spiega ancora Ramadori - non sarebbe arrivato un tale aumento.

"La società Strada dei Parchi da sempre si dice pronta ad affrontare il tema delle tariffe in una logica strutturale". Proposte - continua la nota - che finora non hanno incontrato il favore del ministero.

"Dobbiamo purtroppo ritenere" afferma la società "che il ministro non sia stato ben informato dal precedente responsabile della Direzione Generale per la Vigilanza sulle Concessionarie Autostradali (Dgvca) del Mit in quanto, come già detto, il Pef trasmesso al Cipe è quello richiesto dalla Dgvca con nota dell'8/11/2016 a cui la società ha risposto, pur non essendo d'accordo sulla soluzione imposta dalla stessa Dgvca, con propria nota del 23/11/2016, facendo peraltro una serie di osservazioni".