Mancini: "Io ct della Nazionale? Non lo escludo"

Regolare Commento Stampare

Queste le sue dichiarazioni ai microfoni della 'Gazzetta dello Sport': "Ho un sogno: vincere da c.t. ciò che non ho vinto da calciatore". Io Ct? Allenare la Nazionale è bello. Ovvero, il mondiale. Sarebbe un onore, un orgoglio. "La Juve è avvantaggiata, è abituata a vincere, è più forte". Mi piacciono Belotti, Pellegrini, Romagnoli che puo' crescere ancora tanto.

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso - a titolo esemplificativo - il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore.

In attesa di nominare il nuovo presidente, la FIGC non ha dimenticato di nominare anche il CT per le prossime qualificazioni agli europei del 2020.

In una recente intervista Fabio Capello, tirandosi fuori dalla "corsa" alla panchina azzurra, ha dichiarato che "c'è bisogno di sfornare giocatori di livello se no non si va da nessuna parte", ma Mancini non sembra del tutto d'accordo: "I giovani bravi ci sono". Ma precisiamo: stiamo parlando in liberta'... Arrivò Gabigol che era giovane e sarebbe stato meglio darlo subito in prestito.

Difficile anche l'idea Allegri, che dipende inevitabilmente dai rapporti tra il toscano e la Juventus che al momento sono idilliaci. Ha solo 27 anni. Servivano acquisti a gennaio ma si parlava solo di cessioni.