Emre Can, il nuovo Khedira. E Allegri non vede l'ora di averlo

Regolare Commento Stampare

È importante giocare con concentrazione, restare focalizzati sull'obiettivo: "secondo me comunque sarà più complicato ripetersi in questa stagione rispetto al passato".

Allegri spesso è stato paragonato a Don Fabio Capello, ma forse sarebbe più giusto paragonarlo a Marcello Lippi, non solo per la provenienza geografica e per i tanti anni vincenti con la Juventus. Non so perché la gente dica che voglio andare nella MLS: fisicamente sono al massimo della forma, curo molto il fisico e anche l'alimentazione. "Ti posso assicurare che ora e nemmeno in estate è un'opzione percorribile".

Sami Khedira, nel corso dell'intervista rilasciata ai microfoni di Sky Spor ha parlato anche del connazionale Emre Can, centrocampista del Liverpool e da tempo in orbita Juventus: "Lo conosco bene, è talentuoso, giovane ma già potente". Vista l'età deve imparare e crescere. Quest'anno siamo a quota 13 ma, complice il turnover di Allegri, potrebbe considerarsi un bottino soddisfacente. Ma fossi un dirigente della Juventus lo prenderei al volo. La società inglese non ha necessità di monetizzare, specie in seguito alla cessione di Coutinho al Barcellona, ma piuttosto che perdere il quasi 24enne a parametro zero, è molto probabile che i Reds, alla fine, si lascino convincere. L'ho visto contro il Liverpool ad Anfield, non ha giocato bene tutti i palloni, ma mi ha stupito per come è entrato in campo e per la personalità che ci ha messo.