Renzi: "Boschi sarà candidata in più posti, come me"

Regolare Commento Stampare

Renzi, inoltre, assicura che la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi "si candiderà in più di un posto come tutti gli altri" esponenti di spicco del Pd e attuali ministri. Lo dice Matteo Rezni, ospite di Otto e mezzo.

"Mi accuseranno comunque di aver scelto fedelissimi - ha concluso - mi hanno accusato di tutto, anche dei sacchetti di plastica". L'obiettivo è andare "oltre il 25 per cento" raggiunto da Bersani nel 2013, ma, soprattutto, fare in modo che a Palazzo Chigi ci vada una personalità del partito democratico.

Il leader dem intende partire dalle proposte: 100 quelle che verranno presentate "in un tabellone" il 21 gennaio, che prenderanno spunto da altrettanti obiettivi raggiunti dai governi Pd in questi cinque anni.

"Da quando il Pd è al governo, da 22 milioni di posti di lavoro siamo passati a 23, guadagnando un milione di posti in più: un risultato incredibile".

Il salario minimo legale è entrato nel dibattito elettorale, dopo che il leader del Pd, Matteo Renzi, lo ha proposto spingendosi fino ad indicare la soglia minima di 9-10 euro l'ora. Qualcuno, come il premier Gentiloni, ha detto 'eliminiamolo ad alcuni'.

CANONE RAI - Infine, un mezzo passo indietro sulla proposta di abolire il canone Rai: "Non ne ho mai parlato, è solo una delle ipotesi su cui stiamo lavorando". Le cene di Arcore? Un'altra obiezione è stata fatta da Thomas Manfredi, economista dell'OCSE: l'importo di nove o dieci euro porterebbe il salario minimo italiano ad essere tra i più alti del mondo, mentre di solito il salario minimo viene calcolato intorno alla metà della retribuzione mediana del paese; così sarebbe molto più alto. Poi, sulla proposta di abolire le tasse universitarie: "Un favore ai ricchi e ai fuori corso, un norma proposta da Grasso ma pensata per Di Maio", ironizza. "È proprio nelle migliaia di comuni italiani", aggiunge, "che ci si confronta quotidianamente e in prima linea con i problemi dei cittadini e sono proprio gli amministratori locali del PD la struttura portante di un pensiero e di un'azione politica e amministrativa efficace ed efficiente che costituisce la spina dorsale del partito". "Spero che continui a dare una mano al suo Paese, per noi il suo aiuto è stato prezioso".