VAR, L'ex arbitro Iannone accusa: "Irrati e Calvarese non hanno mai rivisto le immagini, forse ritengono che…"

Regolare Commento Stampare

Ma adesso è in atto una vistosa restaurazione della soggettività del giudizio arbitrale, che molto spesso si traduce nella cara, vecchia sudditanza psicologica nei confronti delle big. Tuttavia la sua introduzione ha giovato al mondo del calcio, ci vorrebbe solo il tempo giusto per un adeguato rodaggio.

La serie A va in vacanza ma non si fermano le polemiche che attanagliano il VAR, la moviola in campo, dopo gli ultimi clamorosi errori, a cominciare dai quattro rigori negati nell'ultimo mese per evidente falli di mano di Iago Falque (Lazio-Torino), Torreira (Sassuolo-Sampdoria), Mertens (Crotone-Napoli) e Bernardeschi (Cagliari-Juventus). La Juventus ha battuto immeritatamente il Cagliari e la non chiamata del Var ha penalizzato la squadra sarda. In molti hanno ricordato l'enorme battaglia mediatica che gli juventini scatenarono dopo la gara con l'Atalanta, nella quale il VAR negò un gol a Mandzukic per una precedente gomitata di Lichtsteiner.

L'ipotesi è che ci sia un fronte di arbitri "ribelli", anti-tecnologia: alcuni infatti la usano con regolarità per correggere gli errori o confermare la bontà delle loro decisioni, altri, come il contestatissimo Calvarese, proprio non la usano e si rifiutano di andare a bordo campo a controllare il video.

"Da Livorno Cristiano Puccetti: Allegri si è intrattenuto con il concittadino Banti, hanno parlato del gol annullato a Mandzukic", queste le parole pubblicate dal giornalista Mediaset Cristiano Puccetti su Twitter per la trasmissione Tiki Taka.