Il portavoce di Mourinho attacca Conte: "Sai cosa è l'Epo?"

Regolare Commento Stampare

Il tecnico del Chelsea, durante l'odierna conferenza stampa che anticipa il match di EFL Cup contro l'Arsenal, ha ammesso di non essersi pentito per le parole utilizzate contro lo Special One. "Vi pare che abbia la faccia di una persona con rimorsi?" Non mi sembra. Abbiamo detto entrambi delle cose, vedremo come andrà.

Il portavoce di Mourinho, Eladio Parames, lancia un attacco a Conte attraverso un editoriale pubblicato su Record: "Il suo passato è poco limpido". Riferimento al caso doping che coinvolse il club bianconero nella stagione 1995-1996.

"Ormai non è più un problema di rivalità sportiva, ma è un problema tra me e lui". Era il 1995/96, i giocatori della Juventus furono accusati di trasfusioni di sangue per migliorare le prestazioni sportive. E chi era allora il capitano della Juve? Scoppiò un caso ed il calcio rabbrividì. Appello dopo appello, si finì per rendere possibile la prescrizione del processo senza che qualcuno venisse seriamente punito.

I due allenatori continuano a litigare a distanza scambiandosi parole pesanti reciproche, ma ora Antonio Conte ha spiegato la sua versione.

L'articolo prosegue con le accuse legate al 'Calcioscommesse': "Più tardi questo stesso signore fu sospeso per sei mesi, accusato di essere coinvolto in una questione di combine. Negò, naturalmente, ma della fama di essere coinvolto in trattative poco chiare non si è mai sbarazzato". "E questo signore ora accusa di piccolezza Mourinho: lo sarà ma intanto ha vinto molti più titoli di Conte e ha molti più capelli!".