Colloqui tra le Coree: Nordcorea invierà atleti alle Olimpiadi

Regolare Commento Stampare

La 'Casa della Pace' venne costruita temporaneamente nel giugno 1980 per l'incontro tra primi ministri di Corea del Sud e del Nord e quindi ricostruita nella sua attuale posizione nel dicembre 1989.

Pyongyang ha deciso di inviare una delegazione di "alto livello" ai giochi di PyeongChang, in programma dal 9 al 25 febbraio prossimi in Corea del Sud.

Le proposte sono state avanzate nella sessione del mattino del dialogo tra le delegazioni dei Paesi al villaggio di confine di Panmunjom, dedicati innanzitutto alla questione PyeongChang. Entrambe le parti hanno espresso il desiderio che questo clima vada oltre le Olimpiadi. La delegazione nordcoreana sarà composta da cinque membri e presieduta da Ri Son-gwon, che dirige il Comitato per la Riunificazione pacifica della Corea nel suo paese, ha riferito il Ministero per l'unificazione della Corea del Sud. Dopo un blackout di oltre due anni, dunque i due Paesi riaprono un dialogo "di alto livello" per discutere la potenziale presenza della Cora del Nord alle Olimpiadi e le opzioni per migliorare i rapporti bilaterali. Anche Donald Trump ha benedetto i colloqui, auspicando oggi che possano andare "oltre i Giochi": gli Stati Uniti, ha annunciato in una conferenza stampa a Camp David, parteciperanno "al momento opportuno".

L'incontro si è svolto nella Peace House a Panmunjom, il villaggio dove fu firmata la tregua dopo il conflitto nella zona demilitarizzata che divide la penisola.

La lista messa a punto dal Nord rispecchia quella di Seul, che comprende un ministro e due viceministri: la delegazione sudcoreana sarà guidata dal ministro della Riunificazione Cho Myoung-gyon e comprende anche il suo vice, Chung Hae-sung, il viceministro della Cultura, dello Sport e del Turismo Roh Tae-kang, Ahn Moon-hyun, vicedirettore generale dell'Ufficio del premier e Kim Ki-hong, vicepresidente del comitato pianificatore delle Olimpiadi.