Pedopornografia in Trentino Lo scorso anno 87 denunce

Regolare Commento Stampare

Sono solo alcuni dati dell'attività 2017 della Polizia postale e delle Comunicazioni che sul fronte della pedopornografia ha arrestato 55 persone denunciandone altre 595. Tra i risultati più significativi l'operazione Sweep Web del compartimento Firenze che ha condotto all'esecuzione di 45 perquisizioni e tre arresti.

Nell'ambito della pedopornografia online 87 persone sono state denunciate in stato di libertà.

Truffe Con riferimento al financial cybercrime, le sempre più evolute tecniche di hackeraggio, attraverso l'utilizzo di malware inoculati mediante tecniche di phishing, ampliano a dismisura i soggetti attaccati, soprattutto nell'ambito dei rapporti commerciali.

Più ampia e'stata la lotta della Polposta catanese nell'ambito dei reati informatici contro la persona (diffamazione, cyberstalking, trattamento illecito di dati personali, sostituzione di persona) sono stati trattati 246 casi e denunciate 47 persone.

Al riguardo, di rilievo è la recente operazione internazionale denominata "Emma3", coordinata dal Servizio Polizia Postale con la collaborazione di 21 Paesi Europei e di Europol, volta a identificare i c.d.

Gli agenti hanno individuato in Sardegna 4 "money mules" e hanno bloccato oltre 29mila euro.

Nell'ultimo anno, la strategia mediatica messa in campo dalle organizzazioni terroristiche di matrice religiosa islamista ha indotto la Specialità a effettuare una costante attività di osservazione e analisi dei contenuti presenti in rete, coinvolgendo anche ulteriori strutture territoriali rispetto a quelle individuate nel 2016 al fine di individuare forme di proselitismo e segnali precoci di radicalizzazione.

Tra le rilevanti attività della polizia postale e delle comunicazioni nel 2017 si annovera anche la partecipazione alla "Cabina di Regia", giunta alla sua seconda edizione.

Anche in provincia, come su tutto il territorio nazionale, ha fatto tappa la campagna itinerante della Polizia Postale e delle Comunicazioni "Una Vita da Social", grazie alla quale sino ad oggi sono stati incontrati, in ambito nazionale, oltre 1 milione e 300 mila studenti, 147.000 genitori, 82.500 insegnanti per un totale di 10.750 istituti scolastici in 190 città italiane.

Rispetto ai giovani il Compartimento della Polizia Postale e delle Comunicazioni di Trento partecipa al "Tavolo della Legalità" che riunisce i rappresentanti delle diverse istituzioni locali chiamate a vario titolo ad occuparsi dei temi della legalità, con l'obiettivo di organizzare presso le scuole interventi informativi e formativi a carattere preventivo.