Lazio, Inzaghi: "La priorità è vincere. Milinkovic-Savic sta bene qui"

Regolare Commento Stampare

La priorità è tornare a vincere, perché all'Olimpico in campionato è troppo che non vinciamo.

Pensi di far rifiatare qualcuno?

"Ho fatto le mie valutazioni". Parlo molto spesso con lui, sa che è grazie alla Lazio se tante squadre lo seguono. Per Leiva ieri era il primo giorno con la squadra, aveva preso una brutta botta a Bergamo, ha recuperato e ha fatto un buon allenamento. Dovremo cambiare qualcosa perchè abbiamo tante partite ravvicinate. "Il Crotone si giocherà la sua partita".

Quello di domani è il crocevia della stagione? "Vogliamo tornare a vincere". È un ragazzo che permette variazioni tattiche a seconda di dove lo metti, anche a gara in corso. "Che ben venga questo problema".

E' soddisfatto dell'arrivo di Caceres a gennaio?

"Non ho ancora parlato dei giocatori in entrata ed in uscita". Ti aspetti di vedere più gente allo stadio?

Che effetto ti fa di giocare durante il Natale? Siamo contenti anche se staremo meno con le nostre famiglie. Dovranno aiutarci a vincere la partita contro il Crotone.

"Milinkovic-Savic distratto dal mercato?" Milinkovic? Ha 22 anni e sta facendo molto bene. E' normale che attiri su di sè tantissime squadre. Sergej è strafelice alla Lazio.

In attacco sono tutti a disposizione. Ha rafforzato le idee girando molto, lo stimo, sia come allenatore che come commentatore. "Poi seguiremo gli sviluppi". Se non ci dovesse essere una offerta concreta nella sessione, è sempre più probabile che le cose si facciano serie in estate, soprattutto vedendo l'ottimo stato di forma che sta assistendo Savic. E' per questo che è ricercato. Spero diventi più forte di Pogba, che per me è uno dei migliori in assoluto.

La Lazio ha resettato le polemiche arbitrali?

"Dobbiamo essere bravi a lasciarcelo alle spalle". Sappiamo che la classifica senza queste sviste sarebbe diversa, ma dobbiamo guardare avanti, già da domani. Per noi è importante guardare alla partita.

Domani ci saranno 40000 persone allo stadio: una risposta importante? Non ci sentiamo soli.