Juventus, Allegri: "Dybala non si era perso, bastano le cose semplici"

Regolare Commento Stampare

Il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, ha commentato così la qualificazione ai quarti di Coppa Italia, sulla pelle del Genoa, ai microfoni di Rai Sport: "L'obiettivo era andare ai quarti di finale ed i ragazzi ci sono riusciti nel migliore dei modi, bisogna far loro i complimenti". A risolvere la pratica, senza troppo sforzo, ci ha pensato il più atteso e, per certi versi, il più osservato della serata: Dybala ci ha messo meno di 45' a realizzare la rete del vantaggio che, al contempo, ha messo fine al suo digiuno e alla piccola flessione in fatto di prestazioni. Nel Genoa invece il voto più alto (7) è andato al portiere Lamanna, il più basso a Rossettini il quale ha rimediato un 4.5. Da titolare inamovibile a panchinaro di lusso che adesso avrebbe gli occhi addosso del Paris Saint-Germain. Rete che arriva solo al 76′, quando il neo entrato Higuain si libera con la forza di Rossettini e col destro supera per la seconda volta Lamanna. Se mi ha soddisfatto da centravanti?

Oltre alla vittoria, un'altra buona notizia per i bianconeri è il ritorno al gol di Paulo Dybala: "Ha fatto una buona prestazione, così come il resto della squadra. Da centravanti mi è piaciuto, è una soluzione che può ricapitare". Lui deve pensare soltanto ad allenarsi e restare sereno.

Ora a Vinovo si preparerà la gara con la Roma: "Sabato sera giochiamo alle 20.45, dobbiamo essere pronti". Ai bianconeri bastano i gol delle due stelle argentine, Dybala e Higuain, per avere ragione di un Grifone apparso più propenso a risparmiarsi per la salvezza in campionato che a giocarsi il passaggio del turno. Recuperato in compenso Rigoni (che ha saltato la Fiorentina per un'attacco febbrile dell'ultimo minuto), che però verrà risparmiato: spazio quindi a Lamanna in luogo di Perin in porta, Biraschi e Gentiletti in difesa, Laxalt, risparmiato a Firenze, a sinistra, Lazovic a destra, con Cofie e Omeonga in mezzo. Questi sono momenti che capitano a tutti poi, ad un ragazzo di 24 anni sono cose che possono succedere.