"Sempre più migliori", lo strafalcione della ministra dell'Istruzione Valeria Fedeli

Regolare Commento Stampare

Errare humanum est, ma cadere sul congiuntivo diventa errore grave se sei il titolare dell'Istruzione in Italia.

Un elenco infinito che potrebbe naturalmente estendersi oltre i corridoi della politica, ammettendo che lo strafalcione può capitare a tutti, anche se, almeno dai nostri rappresentanti istituzionali, ci si aspetterebbe il buon esempio.

Tra le novità annunciate dal ministro, oltre alla recente statizzazione dei corsi pareggiati dell'istituto Monteverdi, nell'arco di tre anni, anche la stabilizzazione dei precari delle graduatorie Afam (docenti delle accademie d'arte e dei conservatori): al conservatorio di Cremona sono almeno 4 le posizioni di insegnanti che verranno regolarizzate con contratti a tempo indeterminato, garantendo così una continuità didattica oltre che una migliore funzionalità operativa.

Nuovo inciampo grammaticale per la ministra dell'Istruzione Valeria Fedeli. "Perché offrono percorsi di assistenza sempre più migliori a studenti e studentesse" ha detto Fedeli che nei giorni immediatamente successivi alla sua nomina era stata al centro delle polemiche per aver "taroccato" il suo curriculum, sostenendo di essere laureata.

Appena qualche giorno fa, in una lettera inviata al Corriere della Sera, la ministra del governo Gentiloni ha sbagliato un congiuntivo. "La 'gaffe' da voi segnalata - aveva scritto il portavoce Simone Collini a questo giornale - è in verità frutto di un mio errore nel tagliare il testo scritto dalla Ministra per renderlo compatibile con gli spazi previsti ai fini della pubblicazione".