De Zerbi conferma: 'L'addio di Ciciretti era nell'aria'

Regolare Commento Stampare

Conferenza stampa prepartita per il tecnico Roberto De Zerbi. Io andrò a Genova con l'intenzione di vincere la partita: spero che anche la squadra faccia lo stesso. Ad oggi nessuno è venuto da me o dalla società per chiedere di cambiare squadra.

Infine, il ritorno a disposizione di Lucioni: "E' tra le notizie più belle da quando sono qui". Non deve sentirsi appesantito da troppe responsabilità. Non sarà al cento per cento: lui sa benissimo che gioca e l'importanza che riveste all'interno della squadra. Ciciretti era nell'aria che potesse andare via anche se non ne abbiamo la conferma.

Essendo a scadenza di contratto, ho chiesto alla società un giocatore con le sue stesse qualità. E' giusto che si dia a Ciciretti la facoltà della buona fede, quindi se dovesse giocare male non bisogna partite prevenuti. I nomi che faccio io, sono sempre per il bene del Benevento. Per me però al momento il primo pensiero è Genova. Qui sto benissimo ma se i risultati non arrivano la responsabilità è mia.

Su De Ceglie: "Sta bene, ma ha bisogno di un periodo di tempo molto lungo per poter tornare a giocare novanta minuti". Dal mio punto di vista, e da quello societario e dello staff medico, per la situazione nostra era un azzardo.

DUBBI DI FORMAZIONE - Questa è la prima settimana in cui ho più di un dubbio di formazione, non di modulo, ma di uomini da schierare in campo. Non sono triste, ma è il fatto di portarmi le sconfitte. Ce la giocheremo sino all'ultimo minuto. "Voglio che continui a essere così".

Sul suo Benevento, che è andato a punti solamente nel 2-2 contro il Milan: "Ho visto una squadra fragile, con limiti di personalità e di carattere: queste cose le paghiamo". Mi assumo anche io le responsabilità, ma le lacune sono evidenti. Dobbiamo restare con la testa bassa a lavorare, non per vergogna ma per far tornare ai tifosi la voglia di vivere la stagione come un sogno.

VENUTI E VIOLA - "Sono due ragazzi giusti e bravi calciatori. Stanno giocando poco e questo non vuol dire che a Genova non ci siano". "La sua eventuale assenza non condizionerà l'aspetto tattico".

POSTO - "Se un giocatore mi fa capire di voler andare via non gioca". In campo possiamo fare di più ma dal punto di vista dell'impegno ai miei non rimprovero nulla.