COPPA ITALIA, Toro corsaro a Roma: 2-1 ea quarti

Regolare Commento Stampare

Grandissima impresa del Torino di Sinisa Mihajlovic che, dopo aver espugnato l'Olimpico in campionato contro la Lazio, bissa il successo anche contro la Roma, in Coppa Italia. Il Torino ne approfitta in contropiede ed al 39', su un calcio d'angolo a favore, De Silvestri insacca la respinta di Skorupski sulla girata di Belotti. La Roma colpisce tre pali ma non riesce a reagire: c'è spazio quindi per il bis firmato da Edera che batte Skorupski di testa anticipando Emerson Palmieri. Giallorossi poco cattivi sotto porta: i legni e la poca precisione sono costati cari alla squadra di Di Francesco, che ha trovato la via del goal solo nei minuti finali con Patrik Schick.

Arriva la prima sorpresa dalle sfide degli ottavi di finale di Coppa Italia. "Non lo conoscevo, mi ha subito impressionato e non ho voluto che andasse via perché sono convinto che se cresce diventerà un grande giocatore". E non è bastato il forcing dalla metà della ripresa in poi, dove Milinkovic si è eretto a protagonista nel bene e Dzeko nel male. Strootman guida la mediana giallorossa con Gonalons e Gerson, mentre Under ed El Shaarawy agiscono ai lati di Schick. La Roma si aggiudica il posesso palla senza concretizzarlo, stampandosi anzi contro la traversa centrata da El Shaarawy al 31'. I bianconeri regolano il Genoa con il più classico dei risultati e si regalano il derby con il Torino, che andrà in scena il prossimo 3 gennaio all'Allianz Stadium.

Torino: Milinkovic-Savic; De Silvestri, Lyanco, Moretti, Molinaro; Acquah, Valdifiori (79' Rincon), Obi; Edera (84' Boyé), Belotti, Niang (71' Berenguer). Con l'ingresso di Diego Perotti i giallorossi hanno mostrato subito una marcia in più e le occasioni da goal si susseguono: prima è lo stesso argentino ad impegnare il portiere granata, poi è Strootman da buona posizione a calciare fuori e, infine, è Schick a colpire il palo con un buonissimo stacco ad anticipare Milinkovic. L'ex terzino della Lazio aveva già messo paura al numero uno giallorosso con un colpo di testa forte ma centrale pochi minuti prima.