Ars: centrodestra vota Dipasquale (Pd)

Regolare Commento Stampare

Le reazioni non si sono fatte attendere: Cracolici ha parlato di "4 utili idioti" congelando la sua iscrizione al gruppo.

Il Pd entra nell'ufficio di Presidenza dell'Ars grazie al soccorso del centrodestra. Il presidente Gianfranco Micciche' ha preso atto della mancata convergenza dei partiti di maggioranza e opposizione sui nomi da esprimere per l'elezione dei tre deputati questori (due spettano alla maggioranza e uno all'opposizione) e ha preferito concedere altro tempo ai gruppi parlamentari per riuscire a trovare la quadra e definire cosi l'ufficio di presidenza, per poi passare, dalla prossima settimana, alla composizione delle sette commissioni e alle loro presidenze. Anche perché si trattava di una solidarietà una tantum e in base a un pronunciamento della Consulta non si poteva neppure fare. Lupo, che qualche giorno fa aveva denunciato di tradimento i 'franchi tiratori', viene adesso votato da coloro che tutti gli indizi hanno evidenziato essere stati tali - scrive su Facebook il deputato regionale Pd, Antonello Cracolici -.

"Farò in modo di chiamare al lavoro dirigenti con esperienza - ha proseguito - per formare il personale che c'è attualmente e vedremo di fare nuovi concorsi".

I tre deputati questori sono Giorgio Assenza (DiventeràBellissima), Giovanni Bulla (Udc) e Salvatore Siragusa (Movimento 5 stelle), mentre i deputati segretari sono Nello Dipasquale (PD), Alfio Papale (FI) e Stefano Zito (M5S). Non prenderò dirigenti esterni, se non necessario. A complicare le cose anche la recente nascita del nuovo soggetto politico "Liberi e uguali" del presidente del Senato Pietro Grasso che si pone alla sinistra del Pd. Ad alzare la voce sono i deputati di FdI, rimasti fuori. I tre hanno ottenuto rispettivamente 36, 34 e 19 voti (cinque le schede bianche, una nulla). I parlamentari hanno deciso di non votare per i deputati indicati dalla coalizione per questori e segretari.

"Tre posti dentro l'ufficio di presidenza, più che una vittoria del M5s - commenta il capogruppo all'Ars Valentina Zafrarana - rappresentano una vittoria dei siciliani".