Della Valle: "Lo stadio? Non dipende da noi. Obiettivo tornare in Europa"

Regolare Commento Stampare

Adesso però dobbiamo parlare di questa Fiorentina, innanzitutto di come è stata strutturata in mia assenza. Così come hanno fatto i Della Valle, ho la responsabilità che la società sia gestita al meglio e in modo sano. Se la famiglia tornerà prima o poi a Firenze? "So che autofinanziamento è una parola che non piace ma in Italia lo fanno quasi tutti i club e certi investimenti non fanno per noi". Questo era un momento di tristezza che ci ha portato a mettere ufficialmente in vendita, il mio obiettivo è capire se c'è qualcuno veramente serio che possa far sognare Firenze in futuro. "Quanto all'ipotesi che si profila di un prolungamento dei termini di pubblico interesse per la realizzazione dell'opera, fissati nella delibera di Giunta al 31/12/2017 è opportuno che ogni auspicabile condivisione di un nuovo cronoprogramma passi dalla verifica dello stato di avanzamento della progettazione". Con la definizione della variante, dunque, la Fiorentina si è data una dead-line di 6 mesi per presentare il nuovo progetto. "Gli obiettivi - si legge nel comunicato - mirano a raggiungere livelli di efficienza e di generazione di valore tali da poter autofinanziare gli investimenti che la Società intende effettuare nell'ambito delle proprie strategie di competitività agonistica delle squadre e di sviluppo aziendale".

E sono molti i club con uno stadio di proprietà.

Nuovo stadio, centro giovanile, mercato: temi caldissimi quelli che il consiglio di amministrazione della Fiorentina ha trattato nella riunione di fine anno. Dipende da altri fattori e non da noi.