Il Chievo a testa alta contro la Roma

Regolare Commento Stampare

La Roma non sfonda il muro eretto dal Chievo e perde 2 punti importantissimi, dopo il pareggio tra Juve e Inter.

LE ALTRE PARTITEIl Chievo ferma la Roma sullo 0-0, c'era riuscito anche con il Napoli. Ma tant'è, ogni partita fa storia a sé e Rolando Maran indovina la trappola innescata per la squadra di Eusebio Di Francesco che, dopo aver passato il turno in Champions League ed aver eliminato l'Atletico Madrid, spreca l'occasione di avvicinare la vetta in seguito allo 0-0 di Juventus-Inter. Nel primo tempo ha approfittato dell'impasse della manovra della Roma lanciando un paio di contropiedi sui quali la squadra di Di Francesco si è trovata abbastanza in difficoltà. Davanti conferme per Meggiorini e Inglese.

TURNOVER - Nella ferrea logica del turnover, rispetto all'ultimo match di Coppa Di Francesco dall'inizio lascia fuori Florenzi e Perotti (acciaccati), De Rossi squalificato, Manolas e Dzeko per dare spazio a Bruno Peres, Gerson, Gonalons, Juan Jesus e l'attesissimo Schick, all'esordio da titolare. Reagisce il Chievo, Inglese salta Fazio al limite dell'area di rigore, mette il pallone al centro, arriva da dietro Cacciatore che impatta la sfera al volo senza prendere la porta. Nella ripresa, nonostante l'ingresso di Dzeko e Perotti, lo scenario non cambia.

La Roma reagisce e potrebbe passare: gran botta di Kolarov su cui si oppone Sorrentino, sulla respinta Schick trova ancora pronto il portiere clivense, che si supera sul successivo tentativo di Gerson, che tuttavia calcia colpevolmente senza angolare la conclusione. Al 66' l'onnipresente Kolarov spedisce un fendente verso la porta avversaria che Dzeko, subentrato a Gerson, non aggancia. Questi concetti sono entrati presto nelle teste dei calciatori e dei tifosi, anche a Trigoria tutti mi guardano con il sorriso e spero che questo non cambi con qualche risultato negativo.

All'82' la migliore occasione per la Roma: imbucata per Schick che incrocia di sinistro, il tiro è deviato e sembra ingannare Sorrentino, che però ha un riflesso straordinario e riesce ad opporsi di piede, mentre è già in tuffo. Altra chance per Edin sul cross di Nainggolan, il bosniaco col mancino tocca ma non riesce ad indirizzare in porta.

Chievo: Sorrentino 7,5; Cacciatore 6,5, Gamberini 6, Tomovic 6, Jaroszynski 6; Depaoli 6 (73′ Dainelli sv), Radovanovic 5,5, Bastien 6; Birsa 6; Inglese 6, Meggiorini 6 (77′ Stepinski 6).