Assemblea di Lega a Milano, Tavecchio: "Chiesta la proroga del commissariamento"

Regolare Commento Stampare

L'assemblea che in giornata si è riunita per eleggere il nuovo numero uno del massimo campionato non ha compiuto il proprio dovere: il commissariamento di Carlo Tavecchio di conseguenza proseguirà ancora almeno fino al prossimo gennaio. E anche se restano in corsa Ezio Maria Simonelli, attuale presidente del collegio dei revisori, e Paolo Nicoletti, da aprile sub commissario di Lega, non è detto che giovedì l'assemblea voti (servono 14 club su 20 a favore per l'elezione). Il tutto si è concluso pero' con un nulla di fatto. "Secondo quanto si apprende secondo i legali della Figc sarebbe un atto di ordinaria amministrazione e quindi rientrerebbe nelle prerogative del Consiglio federale". Soddisfatti dunque i presidenti delle squadre di Serie A.

"L'assemblea di Lega - ha dichiarato il commissario di Lega Tavecchio -, tenuto conto del processo di rinnovamento in corso della Lega Serie A, della conseguente approvazione dello statuto, del percorso di selezione del presidente e dell'amministratore delegato, delibera all'unanimità di chiedere al consiglio federale l'adozione di un provvedimento idoneo al mantenimento dell'organo commissariale nella persona di Carlo Tavecchio".