Ovazione per Andrea Chenier di Giordano, alla Scala undici minuti di applausi

Regolare Commento Stampare

Presente anche l'attrice Matilde Gioli, la show girl Natasha Stefanenko, Margherita Buy e il comico Dario Ballantini, che quest'anno è travestito da Donald Trump. Tutti (spettatori illustri e maestranze) contenti di come è andata la prima parte dell'opera. Tra gli ex rappresentanti del governo, invece, Mario Monti, Paola Severino e Linda Lanzillotta. Tra i volti noti della finanza ci sono il presidente della Consob Giuseppe Vegas, Claudio Costamagna, presidente di Cassa Depositi e Prestiti, e Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio, presidente di Vivendi Arnaud De Puyfontaine e la presidente dell'Eni Emma Marcegaglia. In teatro si stanno facendo gli ultimi preparativi prima del debutto dell'Andrea Chénier. Anche Pietro Grasso, presidente del Senato manca.

Il fatto è che Chénier, come tutto il verismo, punta dritto alla pancia della gente perché Giordano come Mascagni, Leoncavallo e Cilea, sa perfettamente quello che la gente desidera e non si pone problemi nell'offrirglielo. Entusiasta il governatore della Regione Lombardia, Roberto Maroni: "Un'opera stupenda, eccezionali gli interpreti e insuperabile il maestro Riccardo Chailly, che aveva gia' diretto l " Andrea Chenier' nel 1985 sempre qui alla Scala: non c'e' al mondo un evento culturale che possa essere paragonato alla Prima della Scala".

E' piaciuto l'Andrea Chenier messo in scena da Mario Martone e andato in scena oggi, alla Prima della Scala. Luci curate da Pasquale Mari, mentre Daniela Schiavone cura la coreografia. La serata inaugurale, dedicata alla memoria di Victor de Sabata nel cinquantesimo anniversario della scomparsa, sarà trasmessa in diretta su Rai Uno e su Rai radio3.

La rappresentazione di Andrea Chénier prevede un solo intervallo e cambi scena a vista che permetteranno di passare dal primo al secondo e dal terzo al quarto quadro senza interruzione. Il protagonista è un poeta, innamorato dell'aristocratica Maddalena di Coigny, un amore considerato impossibile.