Disoccupazione stabile a 11,2%

Regolare Commento Stampare

Nel terzo trimestre salgono del 3.9% rispetto al trimestre precedente e del 13,4% rispetto allo stesso trimestre del 2016. A rivelare questi dati è stato l'Istat, che ha anche spiegato che il tasso risulta essere stazionario dopo due cali di seguito.

Nel confronto tendenziale si accentua la riduzione degli inattivi di 15-64 anni (-300 mila in un anno) e del corrispondente tasso di inattività (-0,6 punti).

Nel terzo trimestre, ovvero quello estivo, il tasso disoccupazione è rimasto stabile all'11,2%, che è praticamente la stessa percentuale del trimestre precedente. Rispetto all'anno precedente, invece, la disoccupazione è diminuita di 0,4 punti.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Il numero assoluto degli occupati è di 23 milioni 74 mila (anche qui un nuovo massimo, il valore più alto dalla fine del 2008). Sarebbe, secondo l'Istat, il picco più alto dal 1992.

Agenpress - In Italia i dipendenti a termine raggiungono un nuovo record storico: gli occupati a tempo determinato nel terzo trimestre del 2017 risultano pari a 2 milioni 784 mila. L'incremento in termini assoluti è più consistente per gli occupati a tempo pieno. Il lavoro dipendente nel suo insieme mette così a segno un rialzo di 402 mila unità, in grado di controbilanciare la diminuzione degli "autonomi". Ma non è finita qui.

La quota degli occupati a tempo determinato preoccupa la Uil: "Spesso sono lavoretti - ha detto Carmelo Barbagallo, segretario generale della Uil - e bisogna anche verificare questo, troppe piattaforme digitali che mandano per tre euro babysitter a casa, per cinque euro coloro che vanno a guardare come sono state messe le merci nei supermercati, per cinque euro coloro che portano da mangiare a casa: non è buona occupazione". Il tempo parziale aumenta soprattutto nella componente volontaria. La crescita dell'occupazione riguarda entrambi i generi ma è più intensa nelle donne e soprattutto nel Mezzogiorno; è tornata a crescere anche l'occupazione per i giovani tra i 15 e i 34 anni.

Nel terzo trimestre 2017 il mercato del lavoro presenta "un quadro di crescita dell'occupazione, stabilità della disoccupazione e diminuzione dell'inattività".