Da venerdì a domenica le "Stelle di Natale AIL"

Regolare Commento Stampare

I volontari della sezione provinciale AIL, Associazione Italiana per le Leucemie Linfomi e Mielomi, saranno in piazza da venerdì 8 a domenica 10 dicembre con la ventinovesima edizione delle "Stelle di Natale", consueto appuntamento e atteso momento di incontro con i propri sostenitori. Un gesto di sensibilità finalizzato alla ricerca e alla cure delle malattie sopraelencate.

Dal 2006 la raccolta fondi tramite il 5 per mille ha permesso all'associazione di erogare importanti somme che sono state destinate ai progetti di ricerca e assistenza, ma in generale raccoglie i fondi da destinare alla ricerca scientifica e all'assistenza al paziente attraverso diverse iniziative nazionali.

Anche quest'anno tornano le stelle di natale con la loro solidarietà. Presenti su tutte le piazze della provincia, offriranno le stelle di Natale, contraddistinte dal logo "AIL", a quanti verseranno un contributo associativo minimo di 12 euro.

Con i fonti raccolti l'AIL continuerà a svolgere le attività che da oltre 45 anni la contraddistinguono: sostegno alla ricerca, potenziamento del servizio di assistenza domiciliare, realizzazione di case alloggio, supporto ai centri di ematologia e trapianto di cellule staminali, promozione della formazione e dell'aggiornamento professionale di medici, biologi, infermieri e tecnici di laboratorio. Anche Lega Serie A e AIA - Associazione Italiana Arbitri scenderanno in campo per AIL con una campagna di sensibilizzazione negli stadi. Anno dopo anno l'Associazione si è impegnata ad incrementare la sua presenza sul territorio e le Stelle sono diventate una vera e propria icona della solidarietà, che ha contribuito a finanziare la ricerca scientifica e l'assistenza ai pazienti ematologici.

I rilevanti progressi della Ricerca Scientifica hanno determinato un grande miglioramento nella diagnosi e nella cura dei pazienti affetti da tumori del sangue, ma è necessario il sostegno di tutti per raggiungere un obiettivo irrinunciabile: rendere leucemie, linfomi e mieloma sempre più guaribili.