Forza Italia parte dal Sannio, Berlusconi: "Ora siete tutti missionari di libertà"

Regolare Commento Stampare

"Da qui - ha detto il coordinatore provinciale di Forza Italia per Grosseto, Sandro Marrini - parte una campagna elettorale intensa e emozionante". Ecco il Renzi pensiero: "Un Paese che ha bisogno di un generale in pensione non eletto mai, non sta benissimo". Era un dovere morale iniziare dalla Maremma la nostra serie di incontri in tutta la regione: lo dovevo ai nostri amministratori locali e a tutta la gente di Forza Italia. Proprio da qui lo scorso giugno si è affermata l'aministrazione di centro destra guidata da Antonfrancesco Vivarelli Colonna.

Parlando poi delle prossime elezioni politiche, Berlusconi ha affermato: "Dobbiamo vincere per salvare l'Italia e farla ripartire, e per vincere dobbiamo ridare una speranza agli italiani, delusi da una vecchia politica che non piace neanche a noi". Chi attualmente ha responsabilità di governo a livello nazionale non è riuscito nel compito che gli elettori gli avevano affidato: il centrodestra, invece, quando ha governato ha dimostrato di saperlo fare e i posti di lavoro e i dati dell'occupazione, sempre cresciuti, lo dimostrano. Non è ancora fissata nemmeno la data delle elezioni. "La coalizione? Quando si ha un programma condiviso, governare insieme è più facile". Non si sa bene, nel dettaglio cosa si intende fare, ma ok, chi si può dire contrario?

Alla manifestazione sono intervenuti esponenti nazionali e regionali, coordinatori provinciali, sindaci e consiglieri comunali. Tra questi Altero Matteoli, il sindaco di Grosseto Antonfrancesco Vivarelli Colonna con il vice Luca Agresti, il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli, il vicesindaco di Pistoia Anna Maria Celesti, il sindaco di Orbetello Andrea Casamenti, il sindaco di Monte Argentario Arturo Cerulli, il sindaco di Isola del Giglio Sergio Ortelli, il sindaco di Campagnatico Luca Grisanti.

"Cambiare non è facile, lo sappiamo". Mugnai ha manifestato riconoscenza all'amministrazione comunale Vivarelli Colonna. "Io non cambio idea su di loro", ha aggiunto Renzi a proposito della presa di distanza di Marchionne, De Benedetti o Lapo Elkan. Un piccolo particolare, omettono: che il bilancio dello Stato è miserabile, che non ci sono risorse sufficienti disponibili, che la ripresa per quanto sia certificato da ISTAT e altri istituti preposti, è al minimo. "Finalmente la nostra amata Toscana sta cambiando colore".

La giornata di ieri a Grosseto è apparsa in realtà come una vera e propria investitura per Mugnai. Diamo per scontato che le nuove generazioni sappiano tutto: il capo degli Skinheads non solo ha fatto quella sceneggiata ma è andato in radio e ha detto cose che fanno venire i brividi, che ha dei dubbi sugli ebrei morti.