Sarri: Grande partita, siamo solo meno brillanti davanti

Regolare Commento Stampare

Sarri è soddisfatto del gioco espresso dai suo. A preoccupare, ora, sono le conseguenze: il Napoli è ancora primo ma perdere uno scontro diretto (in casa) può voler dire tanto in termini di fiducia e autostima. Il problema è che i tre davanti sono meno brillanti e facciamo più fatica a trasformare questa grande supremazia in occasioni da gol. Alla Juventus abbiamo concesso solo due- tre ripartenze. "Insigne ha un'infiammazione al pube da quando è tornato dalla Nazionale e questo lo sta condizionando, non è solo stanchezza".

"Noi non è che abbiamo la presunzione di pensare che siamo superiori alle altre squadre".

"Roma, Inter e Juve sono tutte società più forti di noi, noi non possiamo partire in una stagione dicendo che siamo favoriti per lo scudetto perché altrimenti saremmo presuntuosi e noi non lo siamo".

Serie A 2017/2018: chi vincerà il campionato?

La grande attesa ha influito sull'approccio alla gara?

"La sensazione di una squadra troppo nervosa non l'ho avuta né stamane (ieri, ndr) né nello spogliatoio". Nelle ultime partite abbiamo sempre avuto bisogno di almeno 15 minuti per carburare e poi qui abbiamo preso gol su una ripartenza, dove poi Higuain è un fenomeno in questo tipo di situazioni. Con i tifosi sono quasi sempre d'accordo, non sono d'accordo su Higuain. Mi ha fatto male, come penso abbia fatto male a tutti quelli della mia generazione che è cresciuta con le figurine e con l'attaccamento ai colori. "Sono triste per il popolo napoletano per la sconfitta ed anche perché speravo di morire prima di vedere un Napoli-Juventus con neri contro gialli". "Ho avuto un attacco di tristezza e nostalgia".