Renzi grande accoglienza per il segretario Pd LE FOTO

Regolare Commento Stampare

E su di chi siano le colpe della vicenda banche, argomenta: "Non facciamo errori, non confondiamo le guardie con i ladri: la colpa degli errori delle banche è dei cda delle banche, dei manager, di tutti quelli che non hanno governato bene le banche e sono dell'idea che questi debbano pagare".

"La Commissione d'inchiesta sta dimostrando che la battaglia del Pd era giusta - ha detto il leader del Pd, Matteo Renzi - era basata su dati di fatto, il problema non era il Pd, non c'era alcun pasticcio".

Per quanto riguarda il ruolo della sottosegretaria Maria Elena Boschi su Banca Etruria, Renzi commenta: "Il procuratore di Arezzo Roberto Rossi ha spiegato che non c'è nessun profilo penale su Pierluigi Boschi (padre della sottosegretaria, ex vicepresidente della banca) evidenziando invece le responsabilità di Bankitalia - continua Renzi - un sacco di famiglie e risparmiatori sono stati fregati". La mancata vigilanza era emersa già su Ferrara, e ora anche su altre. Renzi ha ribadito come il Partito Democratico esca a testa alta dopo oltre due anni dalla faccenda Bankitalia. La Boschi ha parlato in Parlamento, ora deciderà lei come difendersi in via legale con le querele. "La commissione di inchiesta ha dimostrato che il Pd può guardare in faccia le persone, vale per le banche e anche per altro". Abbiamo parlato di tante crisi aziendali, una risposta a chi dice che siamo lontani dalla gente. "Se c'è una cosa clamorosa posso chiedere agli altri partiti se guadagnano o meno con i siti, con il rilancio della propaganda online.Poi posso chiedere attenzione alla verità?", ha aggiunto Renzi. Cui la verità interessa fino a un certo punto, se sminuisce persino il tour della discordia in cui si è trasformato il suo giro d'Italia su rotaia.