Roma, Di Francesco: "Mi girano le scatole per il gol subito"

Regolare Commento Stampare

"Non si può più sbagliare".

Si avvicina il momento della sfida di questo tardo pomeriggio tra Roma e Spal, un match che i bookmakers danno per acclarato come una vittoria scontata per i giallorossi padroni di casa, ma il tecnico Eusebio Di Francesco non si fida e tiene tutti sulle spine. Il messaggio è chiaro: ripartire subito e farlo in maniera convincente. Il tecnico giallorosso è tornato a commentare l'episodio dello schiaffo di De Rossi a Lapadula in Genoa-Roma e che è costato l'espulsione al centrocampista. Possiamo fare meglio per quello che creiamo, oggi era importante vincere. Non è però da scartare l'utilizzo di Borriello, già schierato assieme a Paloschi in tre occasioni in questa stagione. Giocherà uno tra Schick e Under. "Ma stavolta è più facile che giochi con Dzeko". Di Francesco coglie l'assist di Totti e rilancia la candidatura di Tommasi e Montella rispettivamente per la presidenza della Figc e la panchina dell'Italia: "Anch'io voto per loro". Domani potrebbe giocar titolare, ma Di Francesco ha voluto mantenere riservatezza sull'argomento. Ha parlato di rispetto, di crescita ed educazione cercando di non dare pressioni e aspettative al ragazzo. "Spero in un pareggio, significherebbe che entrambe perderebbero due punti".

"L'invidia non fa parte della mia vita ne' del mio modo di lavorare". Il ceco pare finalmente pronto a fare il suo grande ingresso all'Olimpico, dopo diversi acciacchi e infortuni: il suo minutaggio però rimane davvero basso e la possibilità che l'ex Samp possa entrare in campo solo nella ripresa al posto del solito Dzeko rimane valida. Può mancarci un pizzico di lavoro alle spalle. "Come ho gestito il caso di Daniele?" Da quando ha lasciato la casacca giallorossa, non è mai riuscito a rilanciarsi completamente, ma spesso ha fatto della Roma una delle sue vittime preferite. Come ogni figlio va aiutato e non abbandonato in questi momenti, poi c'è un regolamento interno fatto e condiviso con i calciatori e c'è anche un regolamento della società, ci saranno dei provvedimenti come è giusto che sia, ma ora ripartiamo tutti da zero facendo più attenzione a certe cose. "Lui che è un vero romanista ha bisogno di sentire la gente accanto".