Catania. Blitz antidroga nel Librino 36 arresti

Regolare Commento Stampare

Alle luci dell'alba oltre 200 carabinieri hanno realizzato a Catania un'imponente operazione contro il traffico di droga. Nel blitz dei carabinieri, coordinato dalla procura distrettuale, è stato passato al setaccio un intero agglomerato.

Trentasei gli indagati, raggiunti da provvedimenti di custodia cautelare in carcere: sono accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al traffico di cocaina e marijuana per conto di Cosa Nostra in territorio catanese.

E' uno dei particolari resi noti durante la conferenza stampa dell'operazione, denominata "chilometri zero", alla quale ha preso parte, tra gli altri, il procuratore della Repubblica Carmelo Zuccaro.

Le indagini, confortate dalle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, hanno consentito di collocare la gestione della "piazza di spaccio" all'interno della criminalità organizzata catanese facente capo al pluripregiudicato Rosario Lombardo, "uomo d'onore" di Cosa nostra e personaggio di spicco della famiglia mafiosa Santapaola già responsabile, sino al momento del suo ultimo arresto, lo scorso luglio, di tutte le piazze di spaccio del clan.

C'era anche un pusher di appena 6 anni in quella che era una delle piazze di spaccio più remunerative di droga a Catania, quella del quartiere periferico di Librino. Il bambino veniva utilizzato durante la fase di spaccio con diverse modalità.

Oltre 200 le cessioni di droga quotidiane, senza sosta, se non nelle prime ore del mattino: in questo modo veniva garantita al dettaglio la vendita di stupefacenti nell'intero arco della giornata.