Ufficiale: Alfa Romeo torna in F1 dopo 30 anni

Regolare Commento Stampare

Alfa Romeo torna dalla prossima stagione in Formula 1 dopo un'assenza di oltre 30 anni. "Gli ingegneri e i tecnici dell'Alfa Romeo, che hanno già dimostrato le loro capacità con Giulia e Stelvio, i modelli appena lanciati, avranno l'opportunità di mettere questa esperienza a disposizione del team Sauber e i tifosi dell'Alfa Romeo avranno l'opportunità di supportare una casa automobilistica determinata a scrivere un nuovo entusiasmante capitolo nella sua storia sportiva unica e leggendaria" ha dichiarato Marchionne raggiante. "Questo accordo con Sauber è una tappa significativa della riorganizzazione del marchio Alfa Romeo, che tornerà in Formula 1 dopo un'assenza di oltre 30 anni", ha detto Sergio Marchionne, presidente di Ferrari e ad del gruppo Fiat.

La storia d'amore tra la Formula 1 e l'Alfa Romeo si era interrotta bruscamente alla fine del 1985.

Alfa Romeo è sinonimo di corse e prestigio tecnologico in tutto il mondo. Dopo il 1951, la casa del Biscione si è ritirata dalla Formula 1 e ha poi fornito motori per diverse squadre dal 1961 al 1979. Alfa Romeo ha scritto pagine di storia del motorsport, della Formula 1 in particolare avendola animata dal 1950 al 1988, sia come costruttore che come fornitore di motori. E sullo sfondo c'è anche Antonio Giovinazzi, altro pilota proveniente dalla Ferrari Driver Academy e apparso in orbita Sauber al posto del tedesco in avvio di stagione, prima di passare al volante della Haas per alcune prove libere di stagione.

L'ultima pole position dell'Alfa Romeo in F1 risale al 1982, quando il romano Andrea De Cesaris ottenne il giro più veloce in qualifica a Long Beach, negli USA. Due i successi, entrambi nel 1978, con Niki Lauda e l'avveniristica (nelle forme) Brabham BT46: il primo nel GP di Svezia (dove la monoposto montava il contestatissimo "ventilatore") ed il secondo nel GP d'Italia, quello dell'incidente mortale di Ronnie Peterson, dove Lauda vinse (e la Brabham fece doppietta con Watson) "grazie" alla penalizzazione inflitta a Mario Andretti e Gilles Villeneuve per partenza anticipata.