Dalbert shock: "Inter, trasferimento traumatico. Minacciato di morte dai tifosi del Nizza"

Regolare Commento Stampare

Dalbert in estate è stato a lungo inseguito dall'Inter, dove ancora non è riuscito a imporsi: il terzino brasiliano - in un'intervista rilasciata a France Football e ripresa da "Calciomercato.com" -, racconta del suo turbolento addio al Nizza e della sua voglia di far bene in nerazzurro. Oggi gioco in un club molto importante, ma non ho intenzione di fermarmi: voglio lasciare un segno nella storia dell'Inter e voglio anche vestire la maglia della Nazionale brasiliana.

"Certe opportunità arrivano una volta sola. Ho avvertito la loro rabbia e questo mi ha ferito profondamente". Ecco la scioccante rivelazione del terzino interista: "A Nizza, alcuni mi volevano morto. È un peccato che alcuni non abbiano capito la mia decisione, ma non è grave".

Male. Ai loro occhi sono stato un traditore e mi hanno fischiato nella gara contro l'Ajax (quella di qualificazione alla CL.ndr). Prima di partire, ho ricevuto molti messaggi minacciosi: "qualcuno avrebbe voluto spezzarmi una gamba, altri mi hanno augurato la morte". E non si sono fermati qui: infatti hanno coinvolto anche mia moglie, inviando anche a lei messaggi messaggi della stessa specie tramite i social network. Ho dato tutto per la maglia e non mi è piaciuto vedere i tifosi arrabbiati. Alla fine tutto si è risolto con l'addio alla società francese e l'approdo a Milano non prima di una vera e propria resa dei conti con la dirigenza del club della Ligue1.