Roma: De Rossi come Bonucci, ecco cosa rischia

Regolare Commento Stampare

Dopo le polemiche e le scuse, per Daniele De Rossi è giunto il momento del verdetto. Il nodo da sciogliere è in merito a come verrà giudicato lo schiaffo di De Rossi: la condotta violenta viene punita con 3 turni di squalifica e lo schiaffo dovrebbe rientrare in questa categoria. De Rossi salterà le gara con Spal e Chievo Manata a Lapadula. Poi tornerà a disposizione di mister Di Francesco. Al suo posto, con Daniele che con ogni probabilità giocherà in coppa contro il Qarabag, ci sarà Gonalons. Una settimana di inibizione da incarichi federali e impossibilità nel rappresentare la società (oltre a 10 mila euro di ammenda) per Tare "in quanto al termine della gara, pur non presente in distinta, entrava sul terreno di giuoco affrontando, con fare aggressivo e minaccioso, il Direttore di gara".

Stessa cifra per la Juventus, i cui tifosi avevano intonato domenica "cori denigratori di matrice territoriale", all'indirizzo del Napoli. Il fatto di essere capitano, va ricordato, non infierisce più da anni nelle squalifiche (come invece continua a pensare qualcuno erroneamente), ma il giudice sportivo potrebbe anche inasprire la decisione qualora la Roma presentasse ricorso (soluzione abbastanza ridicola guardando le immagini), o qualora nel referto dell'arbitro ci fossero aggravanti circa il comportamento di un De Rossi peraltro non nuovo a follie simili.