Manovra, 60 milioni per chi assiste un familiare malato

Regolare Commento Stampare

Per loro nasce il Fondo per il sostegno dei caregiver familiari: La Commissione Bilancio del Senato ha dato via libera all'unanimità all'emendamento (a prima firma della senatrice Laura Bignami, ma poi sottoscritto da tutti i gruppi e da centinaia di senatori singolarmente) che stanzia 20 milioni di euro per ciascuno degli anni 2018, 2019 e 2020 per "la copertura finanziaria di interventi legislativi finalizzati al riconoscimento del valore sociale ed economico dell'attività di cura non professionale del caregiver familiare".

Inoltre arriva anche uno sconto fiscale per tutelare le librerie; è stato approvato un emendamento da parte della Commissione che prevede per la vendita di libri al dettaglio un credito di imposta su Imu, Tasi, Tari e sull'eventuale affitto.

Il provvedimento è volto ad implementare un più ampio spettro di tutele a favore della delicata quanto fondamentale figura del "caregiver familiare", individuato nella persona che "assiste il coniuge, una delle parti dell'unione civile tra persone dello stesso sesso o il convivente di fatto, un familiare o un affine entro il secondo grado, anche un familiare entro il terzo grado, che a causa di malattia, infermità o disabilità, anche croniche o degenerative, non sia autosufficiente e in grado di prendersi cura di sé".

La proposta di modifica, prima firma di Laura Bignami (Misto), sottoscritta da tutti i gruppi, istituisce un fondo per il sostegno ai cosiddetti "caregiver" familiari, ovvero coloro che assistono e si prendono cura di persone all'interno del nucleo familiare, con una dotazione iniziale di 20 milioni di euro l'anno nel triennio 2018-2020. Il limite di spesa fissato è di 4 milioni nel 2018 e 5 milioni dal 2019. L'emendamento approvato è stato presentato da Andrea Marcucci (Pd) e ha destato alcune polemiche visto che la sorella di Marcucci è presidente della Fondazione Carnevale di Viareggio e di Carnevalia, l 'associazione che raggruppa i maggiori Carnevali italiani.

I lavori della commissione La commissione Bilancio ha dunque ripreso i lavori sulla manovra, con l'obiettivo èdi chiudere tra stasera e domani, in modo da portare il testo in Aula entro mercoledì.