Barella: il Cagliari fa il prezzo e l'Inter ci prova

Regolare Commento Stampare

E questa filosofia ha trasmesso al figlio Steven e alla dirigenza interista. Nella lista degli obiettivi di Beppe Marotta, brillano in particolare Nicolò Barella del Cagliari e Bryan Cristante dell'Atalanta. Si parla spesso dell'impiego di giovani italiani, loro ne sono un esempio. Perché rispetto al recente passato si cerca maggiormente il profilo indigeno. E senza dimenticare l'input della proprietà di puntare sull'autofinanziamento. I due candidati al momento sembrano Brozovic e Joao Mario, con quest'ultimo che però risulta ancora a bilancio per una trentina di milioni mentre il croato è stato di fatto già ammortato.

La "Gazzetta dello Sport" scrive che l'Inter è fortemente interessara a Nicolò Barella, con l'idea di prelevarlo già a gennaio. I contatti dei mesi scorsi sono ripresi sabato, in occasione della trasferta a Cagliari. La richiesta per Barella sarà di 20 milioni: cifra importante - da abbassare magari grazie a qualche contropartita - ma ampiamente giustificata dal valore di un centrocampista che a febbraio compirà appena 21 anni. L'Inter vorrebbe investirne dieci in meno, compreso l'eventuale inserimento proprio di Pinamonti.

(ESCLUSIVO) Ausilio mette la freccia e si prende la “pole” per Barella
Inter, è assalto ai giovani italiani. Barella, Cristante e Chiesa: scende in campo Suning

Una delle priorità del calciomercato Inter è la ricerca di un centrocampista che garantisca un sapiente mix di dinamismo e qualità: a gennaio l'obiettivo principale (e più 'facile' da mettere a segno) è il brasiliano Ramires, che può arrivare in prestito dallo Jiangsu Suning (cinesi permettendo.). La formula della recompra - utilizzata per Bonazzoli con la Samp - potrebbe essere una soluzione. Ma su Barella sono vigili tante squadre, tra cui anche Juve e Roma. Concorrenza comunque durissima pure su questo fronte. Suning però vuole un'Inter sempre più italiana e giovane e per costruirla potrebbe anche fare uno sforzo supplementare.