Udinese-Napoli, scontri tra tifosi azzurri e bianconeri all'ingresso del Friuli

Regolare Commento Stampare

È di tre poliziotti feriti e un tifoso napoletano, che ha rifiutato però il ricovero in ospedale, il bilancio delle tensioni avvenute all'esterno dello stadio Friuli di Udine prima della partita tra Udinese e Napoli.

Le stesse forze dell'ordine sono state attaccate da un gruppo di una ventina di facinorosi, ciò che ha reso brevemente necessario il ricorso a spray al pepe e a proiettili di gomma. Le due tifoserie sono venute a contatto e c'è stata una guerriglia di circa cinque minuti; al momento la situazione sembra essersi normalizzata. A circa un'ora dal match si sono verificati scontri tra ultras azzurri e polizia. Alcuni tifosi, che hanno tentato di rendersi meno riconoscibili con i cappucci delle felpe, hanno impugnato delle specie di spranghe, forse aste di bandiera, e hanno lanciato dei fumogeni e qualche altro oggetto.

Poco prima di mezzogiorno tre furgoni di tifosi napoletani erano stati fermati in tangenziale all'uscita di Santa Caterina. Nessun incidente si è registrato invece al termine. La loro posizione è al vaglio.