Champions, Sarri adesso ci crede: "E Insigne per me è insostituibile"

Regolare Commento Stampare

La squadra partenopea, infatti, si ritroverebbe attualmente 3° nel girone quando mancano due giornate al termine e a -6 punti proprio dallo Shakhtar, secondo, e sarà costretta a vincere sia domani sostenuta dal San Paolo che il 6 dicembre in terre olandesi, contro il Feyenoord, per poter accedere agli ottavi di Champions, obiettivo minimo per una società come essa. Immaginavo ci fosse stato un calo fisico contro il Milan, invece, i dati sono ottimi, abbiamo perso le distanze, perciò abbiamo sofferto. Giocherà Maksimovic o Chiriches? Nella ripresa non riuscivamo a spezzare il loro fraseggio più che altro. Hamsik è un fuoriclasse assoluto, non è nel momento di suo massimo splendore, voi lo sottolineate e io lo sosterrò, nei momenti difficili devo stargli accanto. Non mi piace la politica sportiva, vediamo se mi piacerà fra qualche anno.

"Andremo in Olanda a fare il nostro e poi vedremo". Questa sera non abbiamo commesso gli errori fatti nella gara di andata. "Le nazionali non rappresentano più il movimento calcistico e questa non è una evoluzione che mi fa impazzire". Loro hanno Bernard, Taison, Ferreyra che è argentino, hanno una grande squadra allenata molto bene, dobbiamo entrare concentrati e cercare di vincere. Assenza di Koulibaly? E' un grande difensore, tra l'altro molto importante per noi, ma al tempo stesso vantiamo un'organizzazione difensiva che può e deve scavalcare il valore del singolo. Possiamo ancora migliorare, dobbiamo cercare di sbagliare il meno possibile, abbiamo ancora margini di crescita. Il Napoli si presenta stasera al match decisivo per il passaggio di turno in Champions League "con un'espressione di speranza, perché finché una porta è semiaperta vuol dire che non è chiusa".