Posticipo di Serie A: Verona-Bologna sul 2-1

Regolare Commento Stampare

Pareggio del Bologna. Ma i padroni di casa non crollano mentalmente e poco dopo la mezz'ora di gioco trovano il nuovo vantaggio con la rete di Caceres che buca Mirante con una doppia conclusione (la prima ribattuta dal portiere bolognese).

VERONA (4-3-3): Nicolas; Caceres, Heurtaux, Caracciolo, Fares; Romulo, B. Zuculini, Buchel (Fossati 67′); Verde, Pazzini, Cerci (Lee 79′). All. Il Bologna deve invece fare i conti con la pesante assenza di Di Francesco: le certezze nel tridente d'attacco sono dunque Verdi e Palacio, mentre la terza maglia sarà assegnata a Krejci (con l'ex Inter prima punta) oppure a Destro, che invece farebbe scalare Palacio sulla fascia. Bene anche l'ingresso del giovane Okwonkwo - successivamente costretto ad uscire per infortunio - autore del gol del momentaneo 2-2. Passano due minuti e i felsinei colpiscono nuovamente al cuore la squadra di Pecchia. Poco prima dell'intervallo Destro viene ancora una volta servito perfettamente in profondità, ma questa volta spreca da ottima posizione davanti a Nicolas.

SECONDO TEMPO - Nella ripresa entra un altro Bologna. Il Verona era andato avanti al primo affondo: Fares recupera palla, Mirante sbaglia l'uscita, Cerci insacca di testa. È tornato ad assaporare la gioia del gol nella nostra massima serie anche Martin Caceres, che di professione non fa l'attaccante ma il difensore: la precedente esultanza risaliva all'11 gennaio del 2015, quando la Juve espugnò per 3-1 il San Paolo di Napoli. Cross perfetto di Verdi e stacco imperioso di Orji che sigla il 2-2.