Moratti sulla cessione del Milan: "Non si può paragonare alla…"

Regolare Commento Stampare

"Sono sorpreso dai risultati, quelli negativi non me li aspettavo".

Poi sulla situazione calcio italiano, Moratti ha aggiunto: "Ho visto le dichiarazioni di Tavecchio e devo dire che mi dispiace dal punto di vista umano per com'è andata, lui ce l'ha messa tutta ed è stato in qualche modo anche sfortunato". Noi ce la siamo sempre cavata con grossi colpi di fortuna, non rivedi le cose quando vanno bene. Si parla come al solito di stranieri, giovani. L'imprenditore milanese è stato il numero uno dell'Inter per 19 lunghi anni, condividendo con i tifosi momenti davvero speciali: i 5 scudetti consecutivi e il "Triplete" del 2010 vivranno per sempre nei ricordi degli affezionati al club nerazzurro. Non è un'utopia parlarne ma per scaramanzia è meglio non dire niente. Con 33 punti in classifica, la Juve alle spalle e il Napoli davanti di sole due lunghezze, si può giustamente sperare: "E' una squadra solida che porta a casa i suoi punti con merito e gioca seriamente". Per questo allo sudetto ci si può pensare ma l'obiettivo era e resta la Champions League. "Se c'è bisogno di uno sforzo, lo faranno". L'operazione si è svolta in piena trasparenza nel giro di pochi mesi. "In che reparto? Il dove non lo so".