Honeywell: dialogo per ridurre impatto chiusura fabbrica Atessa

Regolare Commento Stampare

"Dopo oltre due mesi di sciopero - spiega Bentivogli - durante i quali la direzione aziendale di Honeywell non ha avuto neanche la decenza di incontrare il sindacato e i lavoratori per comunicargli le proprie intenzioni questa mattina, all'indomani dell'incontro tra azienda e Ministero dello Sviluppo Economico, il nuovo amministratore delegato ha comunicato la chiusura dello stabilimento per il secondo trimestre 2018 del sito abruzzese".

Solidarietà e parole di condanna anche dall'Udc Abruzzo. È una giornata triste per l'Abruzzo intero. Il mio primo pensiero va ai lavoratori e alle loro famiglie. È quanto afferma il segretario regionale dell'Udc e sindaco di Fossacesia (Chieti), Enrico Di Giuseppantonio, appresa la notizia della chiusura dello stabilimento di Atessa (Chieti).

L'azienda "ha preso questa difficile decisione a seguito di un'approfondita analisi dello stabilimento, che da diversi anni si trova ad affrontare problemi di sovraccapacità e di competitività a causa del declino dei motori diesel e della crescente concorrenza internazionale".

Intanto i lavoratori hanno indetto un'assemblea per oggi pomeriggio, alle ore 18, nella Sala Polifunzionale del Comune di Atessa.

Inaccettabile" - Gianni Melilla, capogruppo MDP commissione Bilancio Camera dei Deputati scrive in una nota: "La comunicazione odierna della Honeywell al Ministero e alle parti sociali, di chiudere a breve il sito industriale di Atessa, lasciando solo un piccolo segmento lavorativo, è inaccettabile.