Caos in Zimbabwe: esercito controlla tv di Stato e palazzo del governo

Regolare Commento Stampare

Inoltre, l'intento dei vertici delle forze armate potrebbe essere quello di evitare che l'oramai ex vice-presidente faccia la fine di Joyce Mururu, ovvero il suo predecessore che era stato esautorato tre anni fa proprio a causa di alcuni contrasti con la "first lady" e dopo essere stato accusato di stare architettando un golpe contro Mugabe. Le forze armate hanno annunciato fra l'altro che stanno proteggendo uffici governativi e strade della capitale, riferisce l'agenzia Ap. Secondo i militari, Mugabe sarebbe "sano e salvo". Il partito di Mugabe, il più anziano capo di Stato al mondo, aveva definito "tradimento" le dichiarazioni del generale Chiwenga.

Mnangagwa ha elogiato l'intervento dei militari rivelando l'esistenza di una trattativa tra le forze armate e Mugabe che avrebbe cercato di fermarli.

Chombo è personaggio di spicco della fazione G40, nel partito di governo Zanu-Pf e stando a indiscrezioni, il gruppo era al lavoro per impedire che salisse al potere la Lacoste Faction, sostenitori del vicepresidente defenestrato Emmerson Mnangagwa, che ora si trova all'estero.

E' caos in Zimbabwe, si ipotizza addirittura un colpo di stato dopo che l'esercito ha preso il potere, bloccando con veicoli blindati la strada intorno alla sede del Parlamento, i principali palazzi dei governo e i tribunali della capitale Harare. "Vogliamo assicurare che sua eccellenza il presidente.e la sua famiglia siano al sicuro e che la sua sicurezza sia garantita", ha aggiunto, sostenendo che i militari stanno dando la caccia "ai criminali" che circondano il presidente e che "stanno provocando sofferenze economiche e sociali". "Non appena avremo compiuto la nostra missione ci attendiamo che la situazione torni alla normalità", hanno ribadito i militari.

Intanto Stati Uniti e Gran Bretagna hanno disposto per un giorno la chiusura delle ambasciate invitando i propri cittadini alla massima prudenza: "In conseguenza dell'incertezza politica attuale, l'ambasciatore ha chiesto ai propri dipendenti di restare a casa", si legge in una nota. "E' la definizione standard di un colpo di Stato, se non è questo un golpe, cosa lo sarebbe allora?", ha detto in una intervista telefonica al canale sudafricano ANN7.